Un papa solo al comando

e una Chiesa che a fatica lo segue

Gian Franco Svidercoschi

Questo libro non ha certo la pretesa di fare un bilancio. Intende raccontare la storia dei primi due anni di Francesco: due anni intensi e straordinari, e, per molti, anche sconvolgenti. E, raccontando questa storia dal di dentro, è possibile così rileggere progressivamente il papato bergogliano nei suoi passaggi decisivi: la nascita, la novità che subito rappresenta, la sua crescita, i tanti cambiamenti, ma anche le sue debolezze, le sue contraddizioni, come pure le resistenze che incontra o che esso stesso provoca. E, al centro di tutto, il progetto di una nuova visione di Chiesa che Francesco ha disegnato nella “Evangelii gaudium”, e che, se realizzato, potrebbe cambiare molte cose nel cattolicesimo. Per il momento, dunque, c’è un Papa che ha in mente una profonda riforma della Chiesa, gode ancora di un enorme consenso popolare, ma deve fare i conti con l’opposizione di forti settori della gerarchia ecclesiastica. Due prossimi appuntamenti – il secondo Sinodo sulla famiglia in ottobre, e il 50° della chiusura del Concilio Vaticano II in dicembre – ci daranno qualche risposta in più.

 

Copyright MAXXmarketing Webdesigner GmbH